Dafni e Cloe

Front Cover
Barbèra, 1885 - 406 pages
0 Reviews
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 211 - E percioché la ripa, da mezzo in giù, era sotto, in varie grotte cavata, una parte del laghetto, dentro da quelle riducendosi, faceva altri bagnetti, e conserve d'acque calde, fredde, temperate più e meno, secondo i diversi temperamenti del caldo e del freddo, che in ciascun ridotto faceva o il sole o l'ombra che vi fosse; e dove l'acqua non giungeva, qua una grotta faceva stanza asciutta, là una falda porgeva un...
Page 215 - ... negli occhi con tanto impeto, e quindi nel core con tante scintille che incontinente, con tutto che di rozza e fredda pastorella fosse, non pure il fuoco vi s'apprese, ma con di molti lampi si mostrò subito fuori; onde con gli occhi attentissimi, con la mente da ogni altra cosa alienata, e con la persona tutta inverso Dafni inclinata, si stette per lungo spazio immobilmente a mirarlo; e mirando, l'incendio le cresceva.
Page 89 - ... legni saltavano delfini, e con tanta tempesta percotevano le catene con la coda, che tutte le scommettevano; su di cima lo scoglio si sentiva un suono di sampogna si spiacevole, che non di sampogna, ma di Chiarini di mare e di bellicosa tromba sembrava che fosse, e sangue e morte parea che sonando minacciasse. Essi, tutti perturbati, pigliavano l'arme, e gridavano a...
Page 59 - ... da indi in qua che io lasciai per vecchiaia di pascere armenti, posi in quello ogni mia cura a farlo, duro ogni fatica per mantenerlo, ed ogni mio piacere è di goderlomi. Tutti i pomi, tutte l'erbe, tutti i fiori, che in tutti i luoghi...
Page 157 - Eranvi poi de' cipressi, degli allori, de' platani, de' pini, e sopra ciascuno di essi invece di vite un'ellera s'abbarbicava, la quale con molte pannocchie di corimbi, a gara con l'uve negreggiando, pareva che i maturi grappoli contraffacesse. Nel mezzo dunque venivano a star le piante fruttifere, e di fuori le non fruttifere come un serraglio l'attorniavano, ed ancora intorno a queste una picciola siepe correva.
Page 189 - Bene hai fatto, mio padre, a ricordarmi le capre: io voglio ire a beverarle, ché le debbono aver sete e stanno ora dove che sia, aspettando la mia sampogna che le meni a bere; ed io mi sono arrecato a sedere qui in petto e 'n persona.
Page 9 - Fuori di Metellino, poco più di due miglia lontano, era la villa d'un ricchissimo gentiluomo, bellissima e grandissima possessione, con montagnuole piene di...
Page 6 - Era il bosco ancor esso bellissimo, ombroso, erboso, fiorito e d'acque d'ogn' intorno rigato, e tutti insieme l'erbe, gli alberi ei fiori erano per molti rivi da una fontana sola nutriti. Ma sopra modo piacevolissima si mostrava l'istoria della pittura, copiosa, artificiosa ed amorosa tanto, che molti forestieri, per fama, d'ogni banda vi concorrevano, mossi e dalla devozione delle ninfe e dalla vaghezza della pittura. Il componimento dell'istoria erano donne che partorivano, altre che i lor parti...
Page 7 - ... esporre, e secondo che esposta mi fu, mi sono affaticato di scriverne quattro ragionamenti, li quali consacro per dono ad Amore, alle ninfe ed a Pane, per piacere e giovamento a tutti che leggeranno, per rimedio...
Page 105 - ... danni loro, sotto la condotta del capitano Ippaso, per la volta di terra, non volendo, per téma della tempesta, avventurarli per mare. Uscito Ippaso alla campagna, non curò di dare il guasto al territorio de...

Bibliographic information