Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica da S. Pietro sino ai nostri giorni ...

Front Cover
Tip. Emiliana, 1842 - Church history
0 Reviews
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 296 - Romana, quaeantehac dicebatur Ecclesia Romana. Nam si revolvantur antiqua Romanorum Pontificum scripta, nusquam in eis reperitur hoc nomen, quod est Curia, in designatione sacrosanctae Romanae Ecclesiae ete.
Page 190 - ... al termine della collana. La decorazione della seconda classe differisce da quella della prima nella grandezza soltanto, e vien portata al collo appesa ad un nastro di color giallo d'oro, rigato in ambi i margini di turchino carico, e largo due pollici. I cavalieri della terza classe portano l'insegna dell'ordine alquanto più piccola sul petto a sinistra, pendente dall'occhiello ad un nastro di color giallo d'oro, orlato di righe turchine e largo nove linee.
Page 48 - Giovanni , incontinente che furon cacciati i greci. 1225 in Messina , nella chiesa di Santa Maria Nuova, in presenza del vescovo di Catania. i2.So in Parigi per Giovanni di Belmonte sopra l'anima • •• • del re di Francia , che in quel tempo non era ben •ano , ed in presenza dei cavalieri dell' Ost, dei tem• • p;eri, degli spedal ieri, e dell'ammiraglio del Levante.
Page 56 - XV e ne' seguenti, per far moneta prostituirono siffattamente il nome di Conte Palatino, che lo troviamo ridotto ad un miserabile fumo comperato con pochi soldi da chi si diletta di cartapecore.
Page 289 - S'incontra ancora tener Corte bandita, il che si faceva col mandare un bando o pubblico invito per li vicini paesi , che serviva di tromba per trarre colà anche i Principi , non che la nobiltà straniera.
Page 240 - Sicuti per manus nostras coronaris in terris, ita et per Te a Jesu Christo Filio Tuo gloria et honore coronan mereamur in coelis".
Page 207 - Patrem domini nostri lesu Christi, cui est honor et gloria in saecula saeculorum.
Page 54 - ... città , che queste si ridussero ad aver poco territorio; ei conti secolari, e poscia i vescovi creati conti per questa ragione non istendevano molto lungi la loro giurisdizione.
Page 238 - Giovanni, e finita la messa, l'imperatore ricevette le felicitazioni dei cappellani della corona, dei gran dignitari del regno, e degli altri, e ritornò al suono delle trombette, e dei timpani, in solenne processione dalla chiesa al palazzo, collo stesso ordine che fu osservato nel venire. Monsignor nunzio apostolico accompagnò l' imperatore dal tempio alla corte, precedendo la maestà sua, immediatamente prima dell'araldo del regno lombardo-veneto.
Page 54 - Un' altra cagione della depressione de' conti delle città , fu l' essersi a poco a poco introdotti i Conti rurali , che dominando in qualche terra o castello , ottenevano dagli Augusti il titolo e la giurisdizione di conte in quel luogo , senza rimaner più suggetti ali' autorità del conte , che governava la città . Perciò anticamente si truovano nel genovesato i Conti di Lavagna^ e ne...

Bibliographic information