Lo stato Romano dall'anno 1815 all'anno 1850, Volume 2

Copertina anteriore
Tip. Ferrero e Franco, 1850
0 Recensioni
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 123 - ... le persone, calpestando ogni diritto, tenta (o gran Dio, ci si gela il cuore nel pronunziarlo!) di tingere le vie della capitale del...
Pagina 22 - POPOLI D' ITALIA SALUTE ED APOSTOLICA BENEDIZIONE. Gli avvenimenti che questi due mesi hanno veduto con sì rapida vicenda succedersi e incalzarsi non sono opera umana. Guai a chi in questo vento, che agita, schianta, e spezza i cedri e le roveri, non ode la voce del Signore. Guai all'umano orgoglio se a colpa oa merito...
Pagina 25 - Dio che con si meravigliosi impulsi pose l'Italia in grado di far da sé. « E per viemmeglio dimostrare con segni esteriori il sentimento dell'unione italiana, vogliamo che le nostre truppe entrando sul territorio della Lombardia e della Venezia portino lo scudo di Savoia sovrapposto alla bandiera tricolore italiana. « Torino, 23 marzo 1848. « CARLO ALBERTO >.
Pagina 22 - ... misericordia, di quella Provvidenza nelle mani della quale sono tutti i confini della terra! E Noi a cui la parola è data per interpretare la muta eloquenza delle opere di Dio, Noi non possiamo tacere in mezzo ai desiderii, ai timori, alle speranze che agitano- gli animi dei figliuoli nostri. E prima dobbiamo manifestarvi che, se il Nostro cuore fu commosso nell
Pagina 110 - Ma qui non possiamo tenerci di non repudiare in cospetto di tutte le genti i subdoli consigli di coloro, palesati eziandio per giornali e per vari opuscoli, i quali vorrebbero che il Pontefice romano fosse capo e presiedesse a costituire una cotal nuova Repubblica degli universi popoli d'Italia. Anzi in questa occasione sommamente...
Pagina 23 - Quegli che rende unanimi gli abitatoli di una casa medesima: che Dio concede questo premio solamente agli umili, ai mansueti, a coloro che rispettano le sue leggi nella libertà della sua Chiesa, nell'ordine della società, nella carità verso tutti gli uomini. Ricordatevi che la giustizia sola edifica; che le passioni distruggono: e Quegli che prende il nome di Re dei re, s'intitola ancora il Dominatore de
Pagina 122 - ... relative all'ordinamento dello Stato, che a mano a mano sono comparse fin qui. Furono queste accolte con quel contentamento e quel plauso che tutti conoscono, e che servivano di abbondante compenso al nostro cuore. Intanto sopravvenivano i grandi avvenimenti non solo d'Italia, ma di quasi tutta l'Europa, i quali riscaldando gli animi fecero concepire il disegno di formare dell'Italia una nazione più unita e compatta da potersi mettere al livello delle altre primarie.
Pagina 110 - Noi, sebbene indegni, facciamo in terra le veci di Colui che è autore di pace, e amatore di carità, e secondo l'ufficio del supremo nostro apostolato proseguiamo ed abbracciamo tutte le genti, popoli e nazioni con pari studio di paternale amore.
Pagina 23 - Non possiamo ancora non dirvi che il ben usare la vittoria è più grande e più difficile cosa che il vincere. Se il tempo presente ne ricorda un altro della storia vostra , giovino ai nipoti gli errori degli avi. Ricordatevi che ogni stabilità...
Pagina 22 - Guai all'umano orgoglio se a colpa oa merito d'uomini qualunque riferisse queste mirabili mutazioni, invece di adorare gli arcani disegni della Provvidenza, sia che si manifestino nelle vie della giustizia o nelle vie della misericordia : di quella Provvidenza, nelle mani della quale sono tutti i confini della terra. E Noi, a cui la parola è data per interpretare la muta eloquenza delle opere di Dio, Noi non possiamo tacere in mezzo ai desidefrj, ai timori, alle speranze che agitano gli animi dei...

Informazioni bibliografiche