Della colonia dei Genovesi in Galata, Volume 2, Issues 4-6

Front Cover
G. Bocca, 1831 - Galatia (Ill.)
0 Reviews
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 3 - Ond' é , che adoperandoci nel confortare i nostri ad esercitarla, noi intendiamo di promuovere i loro vantaggi. E siccome la virtù non perisce là dove é in fiore la navigazione , che avvezzando gli uomini a patir disagi , ea portar quotidiani pericoli rende i corpi induriti, e fa gli animi ostinati , cosi un simile eccitamento può aprire , ed agevolare eziandio la strada a più liete e più...
Page 3 - ... e -dovizioso. .,• . • • Lo specchio della gloria , e dei tesori colà acquistati dagli avi deggiono servir di sprone ai nipoti per imitarli. Dopo le mutazioni sopraggiunte, disavveduto sarebbe chi sognar volesse nuovi dominii sulle riviere di quei mari. Ma la navigazione ne é aperta ; e se i tempi , che la provvidenza prepara, vorranno essere, alle nazioni viventi sulle sponde del Mediterraneo, .di tanto benigni, che parte dei commerci dell'Asia ripigli le antiche vie , per troppo lunghi...
Page 2 - Lo specchio della gloria , e dei tesori colà acquistati dagli avI deggiono servir di sprone ai nipoti per imitarli. Dopo le mutazioni sopraggiunte , disavveduto sarebbe chi sognar volesse nuovi dominii sulle riviere di quei mari. Ma la navigazione ne è aperta ; e su i tempi , che la provvidenza prepara , vorranno essere, alle nazioni viventi sulle sponde del Mediterraneo , di tanto benigni , che parte dei commerci dell' Asia ripigli le antiche vie , per troppo lunghi anni abbandonate, «i conoscerà...
Page 3 - ... fondate speranze per l'Italia intera, la quale a tornare nel grado sublime che dalla natura le venne assegnato , sembra che trascurar non debba di porre ogni sua sollecitudine nelle cose di mare...
Page 220 - Giorgia gli ammettevano nei loro stati. Presso i cani dei Tartari signori della Persia erano venuti in tanta grazia , che non solamente era loro fatto copia di partecipare alle franchigie, di cui quei principi largheggiavano verso tutti i cristiani , ma non di rado venivano adoperati come abili negoziatori nei più rilevanti servigi. Biscarello da Gisulfo, cittadino Genovese , fu per ben due volte spedito ambasciatore in Europa : la prima dal cane Argon a papa Niccolò IV, e ad Eduardo I re i1' Inghilterra...
Page 220 - ... ricchissimi empori in Sinope e in Trebisonda. Di là s'aprivano facil adito alle province interne dell'Asia, dove godevano ugualmente molti favori. Abbiam toccato di sopra come fossero congiunti per trattato coi re d'Armenia. I re della Giorgia gli ammettevano nei loro stati. Presso i cani dei Tartari signori della Persia erano venuti in tanta grazia , che non solamente era loro fatto copia di partecipare alle franchigie, di cui quei principi largheggiavano verso tutti i cristiani , ma non di...
Page 219 - Russi ivi venivano cercando lo spaccio oi baratti col vino, coli olio , e coi panni di lana, che i Genovesi portavano, e colle tele di seta e di cotone che comperavano dai Turchi. Grandi erano i...
Page 1 - Contemplandole da vicino io non poteva trattenermi dal maravigliare , come la fama dei consigli , e del1' infinito valore impiegato per ottenere radicata signorìa in quelle parti , fosse giunta sì scarsa e così tronca fino a noi. Tra le gloriose memorie degli abitatori dell' antica repubblica di Genova, sovr'ogn' altra rispondono di più chiara luce le loro geste in Oriente.
Page viii - ... eseguimento dei loro mandati che per lo più sono amplissimi ; fedeli nel rendere le ragioni ai commettenti , anche per la consegna di certi capi preziosi , pei quali , a cagione delle cautele delle leggi dei diversi paesi dove si conducono a trafficare , non potrebbero venir chiamati in giudizio ; franchi nei pericoli che si portano navigando sì per 1...
Page 218 - Tamano , poste sulla diritta e sulla sinistra sponda del Bosforo Cimmerio, per le quali i Genovesi si erano renduti , per dir così, padroni della navigazione delle paludi Meotide e della Tana. Le colonie di Soldaia e di Cembalo vennero molto dopo in loro podestà; tuttavia, anche prima d' essere possessori del territorio dov" erano collocate , essi vi trafficavano molto frequenti.

Bibliographic information