Colpa penale e precauzione nel segno della complessitÓ: teoria e prassi nella responsabilitÓ dell'individuo e dell'ente

Front Cover
Edizioni scientifiche italiane, 2012 - Law - 329 pages
La previsione della responsabilitÓ degli enti per i delitti colposi di cui all'art. 25 septies rappresenta l'occasione per riconsiderare alcune tematiche tradizionali sul piano della colpa individuale e per indagare in parallelo i tratti, meno noti, della colpa di organizzazione dell'ente. Tale prospettiva appare utile per far riemergere i rispettivi margini di rimproverabilitÓ; esigenza che nasce non solo dalla scelta legislativa di legare necessariamente la responsabilitÓ dell'ente al reato realizzato dalla persona fisica (in questo caso colposo), quanto piuttosto dai molteplici punti di contatto che, proprio nel campo della sicurezza sul lavoro, sono rinvenibili tra la colpevolezza del datore di lavoro e quella dell'ente, chiamati entrambi a rispondere, nella sostanza, per un deficit organizzativo. La ricerca di una diversa logica di imputazione colposa del fatto_reato all'autore individuale e collettivo induce a considerare che sempre pi¨ spesso il problema della legittimazione del diritto penale nei contesti rischiosi evoca l'idea della precauzione come scelta valoriale che si fonde o perfino si sostituisce a quella pi¨ tradizionale di prevenzione.

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Bibliographic information