Archivio glottologico italiano, Volume 5

Front Cover
Graziadio Isaia Ascoli, Carlo Salvioni
Casa Editrice Felice Le Monnier, 1878 - Italian language
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Contents

Other editions - View all

Popular passages

Page vii - Se non si poteva ricomporre, intera e perspicua, tal fase di linguaggio che rappresentasse i Galli ancora affatto indipendenti dai Latini, non potevamo almeno rifar ben vive nel nostro spirito quelle condizioni idiomatologiche, in mezzo alle quali son nati, nella Cisalpina, Virgilio e Tito Livio?».
Page 64 - Christus resurrexit a mortuis primitiae dormientium; quoniam quidem per hominem mors, et per hominem resurrectio mortuorum. Et, sicut in Adam omnes moriuntur, ita et in Christo omnes vivificabuntur.
Page 613 - ... appresso ai commentatori e compilatori latini di catene. L'Ascoli, che colle sue vastissime cognizioni linguistiche ha dilucidate le difficoltà delle chiose irlandesi, terminava il suo lavoro dicendo: « Avrei ancora voluto ristudiare le chiose ambrosiane alla luce delle antiche fonti di esegesi biblica, le quali concorsero di certo alla loro formazione, persuaso come io era che da tal confronto dovesse riuscire agevolata di non poco, o rassodata, la interpreta- 676 zione di un certo numero...
Page vii - Celti, è stato il desiderio di conseguiré quell' idea più viva, che ancora si potesse, della favella con la quale il latino venne a lottare nelle Gallie, e che bene a lui soggiacque, ma non senza riagir sopra di lui nel modo più gagliardo. Se non si poteva ricomporre, intiera e perspicua, tal fase di linguaggio che rappresentasse i Galli ancora affatto indipendenti dai Latini, non potevamo...
Page 112 - Rime genovesi della fine del secólo XIII e del 'principio del XIV, edite da N.
Page 297 - ... Inhabitabunt ut abscondant.. congregabuntur oculte.. Et uestigia mea custodiebant. . exspec tantes animam meam.. pro eo ut di ceret in fraudes mihi quasi ad hoc 10 conuenir ent.
Page 224 - M., Biblioteca arabo-sicula, ossia raccolta di testi arabici che toccano la geografía, la storia, la biografía e la bibliografía délia Sicilia; raccolti e tradotti in italiano. 2 vol. 1880. 81. (LXXXIII, 670; 838 p.) 8».
Page 208 - Uerba oris eius usque dolus.. cum filium" uocaret quem obtabat et studebat occidire.. noluit in tellegere usque ageret.. absoluit profeta " cur peccator in uirtutem non adsurrexerit. noluit 2
Page 49 - I! issamlid inso asnibertar- ut 18 -i- cosindbiud -i- cosindep't asingaib méii hic est ordo ut dicuntur tarnen ad fletús ub[e]res indicandos etsi non dicuntur -i- ad tantos quantos -i- uerba sonant -i- rabiar lugu nadér quam adßadatar " betis aisndisib15 -i- ferc '" fiu " huaitsiu fertach -i- anundü 11 -i- infimrecht naicnedti frissarusuidiged cech sens •i- amidiset nochis forfiatson -i- ata ditJirummain afocli" instn— f° nochis ónmlithson S1 -i- huanaimtib F.
Page 83 - ... ab ea quae hoc efficit mené id est luna., quod ergo ait in obscuro id est in scoto mené1 ita possuit ac si diceret in te nebrarum et caliginis densitate..

Bibliographic information