I reati d'azione privata secondo il nuovo codice e le nuove disposizioni del cod. di proc. penale riflettenti la giurisdizione dei pretori, dei tribunali e delle corti d'appello con note illustrative

Front Cover
F. Petruzzelli e figli, 1890 - 77 pages
0 Reviews
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Common terms and phrases

Popular passages

Page 7 - P onore, la riputazione o il decoro di un Corpo giudiziario, politico o amministrativo, al suo cospetto, o di un magistrato in udienza, è punito con la reclusione da tre mesi a tre anni. Se contro il Corpo o il magistrato si usi violenza o si faccia minaccia, la reclusione è da sei mesi a cinque anni.
Page 10 - Chiunque, con violenza, minaccia o inganno, sottrae o ritiene, per fine di matrimonio, una donna non coniugata, è punito con la reclusione da uno a tre anni. Se il fatto è commesso in danno di una persona dell'uno o dell'altro sesso, non coniugata, maggiore degli anni quattordici...
Page 12 - ... alla concubina. La querela non è più ammessa dopo tre mesi dal giorno in cui il coniuge offeso abbia avuto notizia del fatto. Non è neppure ammessa la querela del coniuge per colpa del quale sia stata pronunziata sentenza di separazione personale.
Page 16 - ... 2) chiunque, avendo trovato un tesoro, si appropria, in tutto o in parte, la quota dovuta al proprietario del fondo; 3) chiunque si appropria cose, delle quali sia venuto in possesso per errore altrui o per caso fortuito.
Page 15 - Per i delitti preveduti in questo capo non si procede che a querela di parte. Se la parte offesa muoia prima di aver dato querela, o se i delitti siano commessi contro la memoria di un defunto, possono dare querela il coniuge, gli ascendenti, i discendenti, i fratelli, le sorelle ei figli di essi, gli affini in linea retta, e gli eredi immediati.
Page 26 - Appartiene al pretore la cognizione : < l.° dei delitti per i quali la legge stabilisce la pena della reclusione o della detenzione non superiore nel massimo ai tre mesi o del confino non superiore nel massimo ad un anno, ovvero della multa, sola o congiunta ad una di dette pene, non superiore nel massimo alle lire mille; « 2° delle contravvenzioni prevedute nel codice penale ; < 3.°...
Page 50 - ... la legge stabilisce una pena restrittiva della libertà personale non inferiore nel minimo ai tre anni, o immediatamente dopo commesso o mentre erano inseguite dalla parte offesa o dal pubblico clamore; 3° gli imputati di un delitto contro la sicurezza dello Stato, o di furto, ovvero di violenza o resistenza contro persone rivestite di pubblica autorità o contro gli agenti della forza pubblica, quando si tratti di delitto per il quale la legge stabilisce una pena restrittiva della libertà...
Page 5 - Chiunque, fuori degli altri casi preveduti dalla legge, minaccia ad alcuno un grave e ingiusto danno è punito con la reclusione sino a sei mesi. Se la minaccia sia fatta in alcuno dei modi indicati nel primo capoverso dell'articolo 154, la pena è della reclusione da tre mesi ad un anno...
Page 13 - Chiunque, senza il fine di uccidere, cagiona ad alcuno un danno nel corpo o nella salute, o una perturbazione di mente, è punito con la reclusione da un mese ad un anno. La pena è: 1. della reclusione da uno a cinque anni, se il fatto produca l...
Page 16 - Chiunque, abusando di un foglio firmato in bianco a lui aflidato con l'obbligo di restituirlo o di farne un uso determinato, vi scrive o fa scrivere un atto che importi qualsiasi effetto giuridico a danno di chi lo ha firmato, è punito, a querela di parte, con la reclusione da tre mesi a tre anni e con la multa non inferiore alle lire trecento. Se il foglio firmato non era stato affidato al colpevole, si applicano le disposizioni dei capi III e IV del titolo VI.

Bibliographic information