Lo stato Romano dall'anno 1815 all'anno 1850

Copertina anteriore
1851
0 Recensioni
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 274 - Io diceva in mio cuore : é impossibile che una città la quale ha avuto sola nel mondo due grandi vite , una più grande dell'altra, non ne abbia una terza. Dopo la Roma che operò colla conquista delle armi, dopo la Roma che operò colla conquista della parola, verrà, io dicevo a me stesso, verrà la Roma che opererà colla virtù dell'esempio.
Pagina 107 - Dopo avere la Giunta di Stato in accordo col Ministero rivolta ogni sollecita cura per apprestare la Legge sulla convocazione dell'Assemblea generale dei Deputati del Popolo richiesta da tutto lo Stato, e comandata dalla gravità delle attuali politiche nostre condizioni, e per ottenere che venisse dai Consigli accolta e decretata...
Pagina 99 - Tali non son certamente gli amichevoli influssi e le pacifiche ingerenze di quei Potentati esterni che ci sono uniti coi vincoli della simpatia e delle istituzioni ; onde non che risultarne alcun biasimo, ci torna a non piccolo onore; essendo sommamente onorevole che le Nazioni più illustri si interessino alle cose nostre. Ma, affinchè l'opera esterna non pregiudichi alla dignità nazionale, egli è mestieri che quella non si scompagni dal patrio concorso.
Pagina 121 - ... volte le sue Censure e principalmente la Scomunica Maggiore, da incorrersi, senza bisogno di alcuna dichiarazione, da chiunque ardisce rendersi colpevole di qualsivoglia attentato contro la temporale Sovranità dei Sommi Romani Pontefici ; siccome dichiariamo esservi già disgraziatamente incorsi tutti coloro che hanno dato opera all'atto suddetto ed ai precedenti, diretti a danno della medesima sovranità, od in qualunque altro modo, e sotto mentito pretesto hanno perturbata, violata ed usurpata...
Pagina 378 - ... opprimere i deboli è infamia più che tradimento. Il municipio di Civitavecchia, prima delle città romane in cui sventola il vessillo di Francia, rappresentando legittimamente il voto della popolazione, fa a voi protesta di sua fede politica. Fra noi l'ordine regna, e non l'anarchia : qui ha rispetto la legge. Alle aspirazioni di libertà svegliavasi il nostro popolo e saprà raggiungerla, se un crudele destino non vorrà che quivi per opera de...
Pagina 9 - L'Assemblea Costituente innanzi di procedere alla discussione e compilazione del patto proporrà e delibererà sui provvedimenti comuni richiesti dall'urgenza dei casi e necessari al pronto e pieno conseguimento dell'Indipendenza nazionale »; cfr.
Pagina 167 - Io mi credo in debito di ragguagliarla di questa entratura, affinché ella ne faccia quell'uso che le parrà più opportuno. Se ella mi permette di aprirle il mio pensiero in questo proposito, crederei che il governo romano dovesse prima di tutto usare influenza, acciocché la costituente che sta per aprirsi riconosca per primo suo atto i diritti costituzionali del santo padre.
Pagina 120 - In pari tempo vi ricordiamo come questa nostra assoluta proibizione venga sanzionata dai decreti dei nostri predecessori, e dai Concilj, e specialmente dal sacrosanto Concilio generale di Trento ( Sess. XXH. C. xi , de Refor.), nei quali la Chiesa ha fulminato replicate volte le sue Censure e principalmente la Scomunica Maggiore, da incorrersi, senza bisogno di alcuna dichiarazione, da chiunque ardisce rendersi colpevole di qualsivoglia attentato contro...
Pagina 10 - ... amato ed amiamo. Fra le cause che ci hanno indotto a questo passo, Dio sa quanto doloroso al nostro cuore, una di grandissima importanza è quella di aver la piena libertà nell...
Pagina 376 - IX e dall' anarchia di questi ultimi tempi. La bandiera che ho innalzata sui vostri lidi è quella della pace, dell'ordine, della conciliazione, della vera libertà : intorno a questa si raccoglieranno tutti coloro che vorranno concorrere al compimento di quest'opera patriottica e santa ». Alla lettura di questo proclama forte turbaronsi i cittadini, e cominciarono a temere...

Informazioni bibliografiche