Il proletariato e la borghesia nel movimento socialista italiano: saggio di scienza sociografico-politica, Volume 25

Front Cover
Fratelli Bocca, 1908 - Socialism - 399 pages
0 Reviews
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 63 - Santo Padre » ha ragione. L'« Alleanza » (11) in Italia non è un fascio operaio, ma una truppa di spostati, il rifiuto della borghesia. Tutte le cosidette sezioni dell'Internazionale in Italia sono dirette da avvocati senza clienti, da medici senza ammalati e senza cognizioni, da studenti assidui al bigliardo, da viaggiatori e commessi di commercio e specialmente da giornalisti della piccola stampa, di fama più o meno dubbia...
Page 195 - ... probabilmente quello stesso individuo avrà ricavato una entrata maggiore dalla mano d'opera prestata per conto d'altri, che non dal lavoro del campicello, da lui posseduto » . Egli aggiunge che il bracciante proprietario di un pezzette di terra fu classificato tra gli agricoltori proprietari « perché i primi appartengono ad una classe sociale sotto un certo aspetto più elevata » . La rubrica degli agricoltori proprietari comprende dunque ugualmente padroni ed operai, i veri proprietari,...
Page 253 - È giusto, perché le olive non sono nostre! — Ma non sono nemmeno della terra che se le mangia ! — La terra è del padrone, to'!
Page 300 - DELLA NATURA DE' FRANCESI. &TJMANO tanto l'utile e il danno presente, che cade in loro poca memoria delle ingiurie o benefizi passati, e poca cura del bene o del male futuro. Sono piuttosto taccagni che prudenti. Non si curano molto di quello si scriva o si dica di loro. Sono più cupidi de
Page 37 - dei baroni a quella dei monarchi, dai bravi di quel« l'epoca ai nostri bravi moderni, la plebe è sempre « stata oppressa e oltraggiata. « Propugnandone i diritti, voi vi siete assunto una « responsabilità grave. Ma voi vincerete, avendo da « parte vostra la vera forza e la giustizia.
Page 11 - La prima nazione capitalistica è stata l'Italia. Il chiudersi del medioevo feudale, l'aprirsi dell'era capitalista moderna sono contrassegnati da una figura colossale ; è un italiano, Dante, al tempo stesso l'ultimo poeta del medioevo e il primo poeta moderno...
Page 158 - Piemonte . . . Liguria . . Lombardia . . Veneto Emilia . . . Toscana . Marche . . Umbria . Lazio .... Abruzzi e Molise Campania...
Page 61 - ... che in poche regioni. Dunque la massa dei contadini italiani costituisce già un esercito immenso e onnipotente per la vostra rivoluzione sociale. Diretto dal proletariato delle città ed organizzato dalla gioventù socialista rivoluzionaria, questo esercito sarà invincibile. Per conseguenza, cari amici, quello che voi dovete studiare, contemporaneamente all'organizzazione degli operai di città, sono i mezzi da impiegare...
Page 170 - Oggi il Partito, con una serie di atti e non poche solenni manifestazioni, ha compiuto un radicale mutamento nella nostra tattica. Esso vuole una rappresentanza nel Parlamento, perché vuole ottenere leggi tendenti all'emancipazione dei lavoratori; per conseguenza della quale sarà mestieri spingere i nostri rappresentanti sino alla conquista del potere
Page 40 - E nello stesso modo che manderei in galera chi studia tutta la vita il modo di estorcere la sussistenza agli affamati per pascere grassamente i vescovi, io vi manderei puro gli archimandriti della società in quistione.

Bibliographic information