Teoria e politica dell'aiuto allo sviluppo

Front Cover
Franco Angeli, 2010 - Business & Economics - 288 pages
0 Reviews
Nella prima parte del libro, dopo avere collocato l'origine e le motivazioni della cooperazione allo sviluppo nel quadro delle relazioni internazionali, si presenta la tipologia dei programmi e progetti di aiuto e dei soggetti, pubblici e privati, nazionali e internazionali che li finanziano. Il variare nel tempo degli obiettivi e delle forme della cooperazione viene spiegato, oltre che dal peso degli interessi economici e politici dei "donatori", dal succedersi di diverse teorie dello sviluppo e dalla loro influenza sugli orientamenti delle Organizzazioni internazionali da Bretton Woods ad oggi. La presentazione e il commento dei dati statistici rilevanti dagli anni '60 del 900 ai primi del nuovo secolo completa questa parte del libro. Nella seconda parte vengono discussi gli effetti macroeconomici dell'aiuto in presenza di diverse ipotesi sulle preferenze e i comportamenti degli attori e, a livello microeconomico, si esamina come l'aiuto possa modificare tali comportamenti, quali effetti possano produrre specifici progetti e come essi vengano valutati. La fiducia negli effetti positivi dei processi di globalizzazione ha dato voce all'idea che l'apertura dei paesi in via di sviluppo al commercio estero possa sostituire l'aiuto. La discussione di questa tesi e l'esame del problema della povertÓ sono oggetto di due capitoli che si propongono di mettere in evidenza come l'aiuto sia ancora necessario e quali debbano essere le sue prioritÓ. Partendo da questi risultati, nelle conclusioni si indicano le principali ragioni della diffusa insoddisfazione sull'efficacia della cooperazione e si avanzano alcune ipotesi sulle nuove forme che essa dovrebbe assumere per contribuire a un reale sviluppo dei paesi e dei popoli pi¨ poveri.

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Other editions - View all

Bibliographic information