Visconti e il neorealismo: Ossessione, La terra trema, Bellissima

Front Cover
Marsilio, 1998 - Performing Arts - 257 pages
0 Reviews
"AI cinema mi ha portato soprattutto l'impegno di raccontare storie di uomini vivi... il cinema che mi interessa è un cinema antropomorfico". Così Luchino Visconti annuncia la propria poetica in un articolo, poco dopo l'uscita semiclandestina della sua "opera prima", "Ossessione". A oltre mezzo secolo da da quegli esordi, si può certamente discutere se tutto il cinema viscontiano si sia mantenuto fedele a quell'impegno antropomorfico, ma non si può dubitare della sua complessiva grandezza. Questo volume analizza, con scrupolo filologico e intensità critica, il testo e il contesto dei primi tre lungomerraggi viscontiani che testimoniano anche il rapporto particolarissimo che l'autore ebbe con il neorealismo.

From inside the book

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Premessa alla seconda edizione
9
Verso Ossessione
27
Film e romanzo
36
Copyright

14 other sections not shown

Common terms and phrases

Bibliographic information