Archivio italiano per le malatie nervose e più particolarmente per le alienazioni mentali, Volumes 3-4

Front Cover
Atti del settimo congresso della Società fremaiatrica italiana (in v. 28, 1891).
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 281 - Guerry , ha dimostralo il ritorno invariabile, periodico , necessario di questi sciagurati eventi e liberandoli dall'incertezza del fato ci ha illuminati sulla loro vera genesi; ha atterrato la grande barriera che divideva il mondo fisico dal mondo vitale e morale e quello che più importa ci ha dato nelle mani il mezzo di prevenirli odi soccorrerli. La conoscenza dei calcoli delfa probabilità della vita umana ha dato luogo alle società d
Page 256 - I dolori forti e di breve durata, prodotti artificialmente nell'uomo, ora aumentano di poco ed ora di poco diminuiscono il numero dei battiti del cuore. È assai probabile, che l'aumento in tutto o in parte si debba alle contrazioni muscolari irresistibili, che accompagnano sempre una sensazione dolorosa, appena arriva ad un certo grado d'intensità. Infatti, imitando quei movimenti che sogliono di solito accompagnare un dolore, si ottiene lo stesso aumento di polsi, come se questo fosse sentito....
Page 268 - Quest' azione varia assai secondo le circostanze diverse, ma oscilla fra punti molto lontani: ora è appena sensibile ed ora è cosi intensa da poter arrestare il cuore e spegnere la vita per sincope. Anche il dolore fisico può in questo modo uccidere l'uomo e gli animali superiori.
Page 2 - GB (1867). Emiplegia sinistra con amaurosi — guarigione — perdita totale della percezione dei colori e della memoria della configurazione degli oggetti.
Page 374 - Napoli, che riuniscono i vantaggi di un tiepido clima e de un suolo marino e colligiano, offersero uomini di genio, se in numero non cosi grande como Firenze, almeno pari in valore, como Colombo, Doria, Vico, Caracciolo, Pergolesi, Genovesi, Cirillo, Filangeri. " — Lombroso, L
Page 281 - Le burrasche marine e le terrestri credevansi, non sono molti secoli, l'effetto dell'ira dei numi o della vendetta dei diavoli, e non sono molti anni che per evitarle si ordinavano scampanj senza fine, e si sarebbe gridato eretico e bestemmiatore colui, che avesse osato crederle affatto indipendenti dai voleri supremi. Ora lo studio delle correnti dei venti non solo ha dimostrato come sieno effetti...
Page 268 - Il tempo con cui il polso depresso ritorna allo stato normale, non è minore negli animali più robusti, ma si tiene in rapporto colla costituzione diversa dell' individuo. 16.* Pare che il piacere produca sul cuore un' azione opposta a quella del dolore, perché nei conigli in uno stato normale o coi polsi depressi dallo strazio, il cuore aumenta il numero dei suoi movimenti, sotto una sensazione voluttuosa. 17.°...
Page 268 - Negli animali resi insensibili coll' eterizzazione, lo strazio dei nervi non esercita alcuna azione sulla frequenza dei moti del cuore. 27.° L'anestesia periferica prodotta dall'applicazione locale del freddo o dalla legatura dei vasi rende affatto insensibile il cuore all'azione dello strazio dei nervi. 28.° L...
Page 281 - La conoscenza della perpetua successione, a dale epoche, degli omicidj, dei furti, dei suicidj ecc., ha cominciato già a modificare, profondamente, le idee, direi semibarbare, dei giurisperiti sulla penalità ; il delitto, apparendo a molti una triste necessità, si comincia a riguardare il reo come un pernicioso malato, che si sequestra, si cura, più che non si punisca. La conoscenza dell...
Page 268 - Anche negli uccelli però l' abbassamento di temperatura dura un' ora e più. 9.° Pare che anche nell' uomo il dolore produca gli stessi effetti sul calore come negli altri animali. 10.° Il grave e durevole abbassamento di temperatura prodotto da soli dieci minuti di dolore fa sospettare, che sia a cercarsene la causa in una profonda alterazione dei fenomeni chimici della calorificazione, e che non possa spiegarsi questo fenomeno colla sola diminuzione del calore periferico per turbamenti vasomotorii...

Bibliographic information