Le rime di Michelangelo Buonarroti, pittore, scultore e architetto

Front Cover
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page cxviii - Facesti, come quei, che va di notte, Che porta il lume dietro, e se non giova: Ma dopo sé fa le persone dotte, •,•• ' Quando dicesti : Secol si rinnuova, Torna giustizia, e primo tempo umano, E progenie discende dal Ciel nuova. Per te poeta fui, per te cristiano. Ma perché veggi me...
Page lxxiv - NON ha l'ottimo artista alcun concetto, ch'un marmo solo in sé non circonscriva col suo soverchio, e solo a quello arriva la man, che ubbidisce all'intelletto.
Page cxviii - Lo bel pianeta ch' ad amar conforta Faceva tutto rider l' oriente , Velando i pesci ch'erano in sua scorta. Io mi volsi a man destra e posi mente Ali' altro polo , e vidi quattro stelle .Non viste mai fuor ch
Page 159 - Amor dunque non ha, ne tua beltate o durezza o fortuna o gran disdegno, del mio mal colpa, o mio destino o sorte; se dentro del tuo cor morte e pietate porti in un tempo, e che 'l mio basso ingegno non sappia, ardendo, trarne altro che morte.
Page cxxvii - 1 danno e la vergogna dura, Non veder non sentir m' è gran ventura ; Però non mi destar : deh parla basso.
Page 159 - O durezza, o fortuna, o gran disdegno Del mio mal colpa, o mio destino, o sorte, Se dentro del tuo cor morte e pietate Porti in un tempo, e che...
Page 188 - 1 caso, la sorte e la fortuna in un momento nacquer di ciascuno; ed a me consegnaro' il tempo bruno, come a simil nel parto e nella cuna. E come quel che contrafà se stesso, quando è ben notte più buio esser suole; ond'io di far ben mal m'affliggo e lagno. Pur mi consola assai l'esser concesso far giorno chiar mia oscura notte al sole ch...
Page lviii - E perché nell'autore di detto, sento per le sue parole e lodi d'essere quello ch'io non sono, prego voi facciate per me parole verso di lui come si conviene a tanto amore, affezione e cortesia. Io vi prego di questo, perché mi sento di poco valore; e chi è in buona oppenione, non debbe tentare la fortuna: e meglio è tacere, che cascare da alto.
Page 198 - ToRNAMi al tempo allor che lenta e sciolta Al cieco ardor m
Page 23 - Si come per levar, donna, si pone in pietra alpestra e dura una viva figura, che là più cresce u...

Bibliographic information