Storia di Ugone d'Avernia: volgarizzata nel sec. XIV da Andrea da Barberino, non mai fin qui stampata, Volume 190

Front Cover
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Contents

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 42 - il quale poi in quattro parti detto fiume si divide ; e corrono per quattro parti della terra e fanno quattro fiumi, l'uno de' quali si chiama Eufrates, il secondo Nilo, terzo Frison, quarto
Page 13 - inferno d' abisso maggiore, non vi si può per uomo vivo andare,e bisogna andarvi per altre vie, se già Iddio non facesse per miracolo di mostrallo ad alcuno; è questo lato che tu vedi, con molti altri che ne sono, fatto, per dispetto di quegli che piovvono dal cielo. E sappi che una parte di loro n'andarono in abisso, nel
Page 41 - e tornerai a salvamento in tua terra ; ma innanzi che sia, molti miracoli saranno, e soffrirai grandissime pene e fatiche. Il che udendo Ugo, si gittò ginocchioni a' loro piedi, e ringraziò Iddio, e poi loro, e pregolli gli rivelasseno loro nomi. L'uno di loro gli disse : io sono Enoc, e mai non
Page 207 - anello, e vidde la pietra ; non 1' arebbe dato per le quattro migliori città di Francia. E poi gli rappresentò la corona, la quale riluceva per tutta la sala di maraviglioso splendore, e disse: prendete questa corona, per metterla sopra la vostra testa, e questa è la dota di tutto l'abisso.
Page 209 - ho recato, e ogni paese riempierò di vera fama; che Idio sa, eh' io ho portate d'infinite pene et grandi travagli, affanni et paure, et solo questo per servire alla Corona di Francia, e per non essere tenuto disleale e mentitore alla Corona ! E dette queste parole, si tirò un poco
Page 66 - piano, che gli mostrò dove, e troverebbe buono uomo, buono consiglio, buona guardia, insino a Lucifero ; e poi gli apportò un pane e carne, e disse che mangiasse di quello, innanzi che andasse altrove, acciò che per la fame non si venisse meno, che fosse forte al crudo camino. E
Page 67 - pane e carne, e disse che mangiasse di quello, innanzi che andasse altrove, acciò che per la fame non si venisse meno, che fosse forte al crudo camino. E segnatagli la vivanda, entrò nel suo battello; e in poco stante Ugo non lo rivide più. CAPITOLO LX. Come Ugo non si fida del Diavolo , che lo meni allo
Page 13 - eh' è dinanzi a noi, è egli chiamato inferno, o con altro nome? Il vecchio rispuose : quelle montagne, che ardono, si è un ramo d'inferno, ma non è di quel fondo; ma è d'una
Page 201 - con molti gentili compagnoni. E già, avendo mangiato la prima vivanda, molto fisso guardò lo 'mperadore Ugone; e Ugo cominciò a parlare, e disse tutto il viaggio che aveva fatto, a parte a parte, poi che si partì da Vernia, insino che trovò Saldino Giulibieri
Page 221 - vedea gente a' dimon smurare Nel duro ghiaccio, e correre a furia, Ea membro a membro gli afflitti squartare. Non vidi mai mangiar cosi l'anguria, Come e dimon co' denti quelle membra Rompevano, e sputavan per più ingiuria. Poi rimpastargli, e radunargli insembra,

Bibliographic information