Annuario dalmatico, Volumes 1-2

Front Cover
1859
1 Review
 

What people are saying - Write a review

User Review - Flag as inappropriate

s. 97 Della vita e degli scritti di Ivacich.

Selected pages

Common terms and phrases

Popular passages

Page 177 - Grecia, e l'Italia; ai quali si-aggiunge il gran nome dell'Africano ispirato dalla Bibbia, Agostino. Nel riandare col pensiero le conformità naturali e storiche di due paesi del mio esilio e di quello ove nacqui, le Isole Ionie, la Corsica, la Dalmazia, mi parve che il raccogliere, se non tutte, quelle che prime si offrivano al mio poco sapere e ingegno, sarebbe un pagare a qualche modo verso tre popoli diletti il debito di ospite e quel di figlio.
Page 118 - Come la luce rapida Piove di cosa in cosa, E i color vari suscita Dovunque si riposa; Tal risonò moltiplice La voce dello Spiro: L'Arabo, il Parto, il Siro In suo sermon l'udì.
Page 177 - Studiilo sé stessi i tre popoli, si riconoscano, s'amino; non superbi del bene, non disperati per calamità toccate o per falli commessi; seguitino, mutuamente confortandosi di lontano, l'ardua immensa salita. » Legga ogni dalmata questo prezioso lavoro, che vorremmo ripubblicato in separato opuscolo, e vedrà quanto vivo è 1" affetto che nutre 1' Autore per la sua patria, e profonda la conoscenza ch'egli ha delle cose nostre.
Page 155 - Valachi appellati, sermo adhuc genti romanus est, quamvis magna ex parte mutatus et homini italico vix intelligibilis».
Page 176 - quasi ignoto sin qui, ma in altri tempi uno de' più valenti scrittori di cui si onori l'Italia, e tuttavia tra quelli dell'età nostra non dei meno efficaci > (1). L'edizione di quegli scritti non è stata delle più felici fatiche del ramingo e nervoso poligrafo dalmata; per i criteri da lui seguiti nel raccoglierli e coordinarli, non volendo urtare suscettibilità di viventi o sollevare veli...
Page 165 - ... convenienza di averle coltivate da molto tempo, ma allorché constasse negletta per incuria loro l'ordinata coltivazione ed impiantaggione o defraudata maliziosamente la giusta contribuzione dominicale, potrà essere impetrato dall'autorità della carica l'ordine per espellerli a tempo debito. > IX. Che li coloni e lavoratori, per i quali non militasse l'azione o la convenienza suespressa , ma fossero adventizii sulle terre concesse agli investiti predetti, possano da queste, previe le debite...
Page 169 - La legge agraria del 1755 e le altre precedenti, che rendono irtalienabili nella Dalmazia ed Albania i terreni chiamati di vecchio e nuovo acquisto, sono abolite. « II. La proprietà dei suddetti fondi potrà liberamente trasferirsi o per successione o per contratto senza verun aggravio, salvo quello della decima in natura o in contanti che resta sempre inerente al suolo. « III. È permesso a qualunque proprietario di affrancare i fondi dal peso della decima nel modo in cui le leggi del nostro...
Page 174 - Di tali atti o contratti nessun notaio potrà rilasciare copie od estratti sotto pena di lire 50 per cadauna copia od estratto. « XIV. I Giudici di Pace o Tribunali informati dalle parti o ex officio della contravvenzione agli articoli III e XIII applicano sommariamente la multa al notaio contravventore, e nel caso di terza caduta contemplato nell'articolo III, ne danno parte alla Corte d'Appello per la di lui destituzione del notariato. « II presente tradotto in illirico sarà pubblicato ne...
Page 163 - ... e di ritogliere il dominio utile ai refrattarii delle condizioni imposte per ritenerlo. Né il sapiente governo si contentò di distribuire la terra, ma volle disciplinare la sua coltura, vincolando il favore alle norme d'un metodo perfettivo descritto nella Legge agraria 25 aprile 1756, emanata dal provveditore generale Francesco Grimani. Per mostrare la rettitudine delle intenzioni del legislatore, e l'opportunità del sistema, credo bene di riportarne un brandello contenente le massime capitali.

Bibliographic information