Sicilianische Märchen, aus dem Volksmund gesammelt von L. Gonzenbach, mit Anmerkungen R. Köhler's und einer Einleitung herausg. von O. Hartwig

Front Cover
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Common terms and phrases

Popular passages

Page xlvii - ... allora essere un vivere del Paradiso terrestre. Era liberalissimo a tutti, e proporzionatore de' beneficii a virtù; e tenea questa regola, che se un uomo di corte cattivo o mal parlante in sua corte venia, era immantinente conosciuto per li maestri del re, e...
Page xliii - è probabile che alla corte di Guglielmo II, dove, come dice lacopo della Lana, ' si trovava d'ogni perfezione gente ' e dove ' erano li buoni dicitori in rima, e quivi erano li excellentissimi cantatori...
Page xxi - Sugnu ntra li jardina di Palermu, Ntra lu palazzu di so' Maistati; E cu ini vattiò fu re Gugghiermu, Ch'è ncurunatu di tutti tri stati : — Lu nvernu a mia mi passa comu nvernu, La stati a vui, figghiuzza, comu stati. I riferimenti contenuti in questo testo ci riportano con molta probabilità ai tempi di Guglielmo il Buono, come è stato rilevato dal Cesareo, op.
Page 261 - The Model Merchant of the Middle Ages, exemplified in the Story of Whittington and his Cat...
Page 237 - Siamo state alla riva del mare, Abbiamo mangiato, abbiamo bevuto, La sorella del Tilio abbiamo veduto, È bella bella, Come 'na stella E presto sarà sposa del nostro signor.
Page 236 - Qua, qua, qua, Di la marina semu vinuti, E la soru di Quaddaruni, Chi è cchiù bella di lu Suli Granu e òriu ci ha datu a mancià.
Page xxvi - Memorie storiche di talune costumanze appartenenti alle colonie greco-albanesi di Sicilia', Palermo 1853, S.
Page 216 - Assidere gravidis, vel cum remedium alicui adhibeatur, digitis pectinatim inter se implexis veneficium est, idque compertum tradunt Alcmena Herculem pariente. Pejus si circa unum ambove genua ; item poplites alternis genibus imponi/ Pliny 28, 6 [17].
Page xxi - Musulmani) lo vuoi costringere ad abiurare la sua fede: c'è lu Gaitu e gran pena mi duna voli arrinunziu la fidi cristiana; nun vi pigghiati dubbiu, patruna, l'amanti chi v'amau v'assisti e v'ama.
Page xxvii - Lombardi tra noi; ma l'Amari si discosta da essa, e uon è niente inclinato a credere « aver Arrigo e i suoi compatriotti seguita in Sicilia (1089) l'Adelaide, ultima moglie di Ruggiero; parendomi...

Bibliographic information