Satire

Front Cover
L. Ciardetti, 1826 - Verse satire, Italian - 132 pages
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 30 - ... ecce avia aut metuens divum matertera cunis exemit puerum frontemque atque uda labella infami digito et lustralibus ante salivis expiat, urentis oculos inhibere perita...
Page 18 - BELLE hoc excute totum : Quid non intus habet? non hic est Ilias Attî Ebria veratro?
Page 20 - Quinti, cum trepida ante boves dictatorem induit uxor et tua aratra domum lictor tulit — euge poeta! 75 est nunc Brisaei quem venosus liber Acci, sunt quos Pacuviusque et verrucosa moretur Antiopa aerumnis cor luctificabile fulta?
Page 18 - ... belle' hoc excute totum: quid non intus habet? non hie est Ilias Atti 50 ebria veratro? non siqua elegidia crudi dictarunt proceres? non quidquid denique lectis scribitur in citreis? calidum scis ponere sumen, scis comitem horridulum trita donare lacerna, et 'verum' inquis 'amo, verum mihi dicite de me.
Page 72 - Curvus ob id minui senio, aut coenare sine uncto Et signum in vapida naso tetigisse lagena. Discrepet his alius. Geminos, horoscope, varo Producis genio. Solis natalibus est qui Tingat olus siccum muria vafer in calice empta, 20 Ipse sacrum irrorans patinae piper : hie bona dentc Grand ia magnanimus peragit puer.
Page 113 - Dappertutto i sentimenti degli scrittori prendono qualità dal governo sotto cui vivono; e certe caratteristiche distintive, le quali paiono impresse dalla natura, non sono sovente che puro effetto delle circostanze politiche. La temperata dominazione d'Augusto escludeva dagli scritti quella collera e virulenza che vediam regnare nelle opere posteriori; e Giovenale alla corte di quel munifico protettor degl'ingegni sarebbe stato forse ancor esso nulla più che un polito e subdolo cortigiano.
Page 104 - La verecondia di un costumato lettore correrà certamente minor pericolo co' versi, non dirò di Persie, ma di Giovenale e d" Orazio, che con la quinta dissertazione d'Arnobio sulle processioni degl'idoli di Priapo: e io sfido il più libertino a leggere, senza infiammarsi di rossore, le orribili e nefande disonestà che alcune società cristiane...
Page 60 - Quid? quasi magnum Nempe diem donas? Sed cum lux altera venit, Jam cras hesternum consumpsimus ; ecce aliud cras Egerit hos annos, et semper paulum erit ultra. Nam quamvis prope te, quamvis temone sub uno Vertentem sese frustra sectabere canthum, Cum rota posterior curras, et in axe secundo.
Page 28 - MENS bona, fama, fides; hœc clare, et ut audiat hospes : Illa sibi introrsum , et sub lingua immurmurat : « O si « Ebullit patrui prœclarum funus!.... » Et : « O si « Sub rastro crepet argenti mihi seria, dextro « Hercule!... Pupillumve utinam, quem proximus heres
Page 94 - Tali si erano le offerte di farro , di cui servivansi i poveri in difetto d'incensi e di vittime. Conclude adunque santamente il poeta che un tenuissimo olocausto fatto , come dice Dante, Con tutto il cuore, e con quella favella Ch'è una in tutti, è più accetto alla divinità , che qualunque magnifico sagrificio accompagnato da sporca coscienza.

Bibliographic information