Zur entwickelung italienischer dichtungen Petrarcas

Front Cover
S., M. Niemeyer, 1891 - 195 pages
0 Reviews
Reviews aren't verified, but Google checks for and removes fake content when it's identified
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Other editions - View all

Popular passages

Page 20 - Ultimamente sovenutogli di quella voce, Onde, essendo ella voce più rotonda e più sonora per le due consonanti che vi sono, e più piena; aggiuntovi che il dire Sospiri, più compiuta voce è, e più dolce, che Sospir; così volle dire più tosto, come si legge, che a quel modo.
Page 20 - Perciò che venendomi, non ha guari, vedute alcune carte scritte di mano medesima del poeta, nelle quali erano alquante delle sue rime, che in que' fogli mostrava che egli, secondo che esso le veniva componendo, avesse notate, quale intera, quale tronca, quale in molte parti cassa e mutata più volte, io lessi tra gli altri questi due versi primieramente scritti a questo modo : Voi, ch'ascoltate in rime sparse il suono Di quei sospir, de
Page 2 - Turini] da Pescia chierico di camera, che gli avea avuti non so donde, per mandarli a Francesco re di Francia, come fece : quelli erano quasi tutti li Trionfi, da quello della Morte in poi e del Tempo. Le dette scritture erano certo di sua mano ; perché, oltre il carattere conforme ali' altre cose e' ha lasciato scritte, sono di tante maniere corrette e rimutate che altro che lo autore istesso non lo può aver fatto. E considerai eh...
Page 1 - (Le Rime di M. Francesco Petrarca estratte da un suo originale II Trattato delle virtù morali di Roberto Re di Gerusalemme II Tesoretto di Ser Brunetto Latini con quattro canzoni di Bindo Bonichi da Siena. In Roma nella stamperia del Grignani, MDCXLII). Ma l' unico codice Vaticano del Tesoretto non credo assolutamente che si possa identificare con quello accennato dall
Page 73 - Vèr' cui poco già mai mi valse o vale Ingegno o forza o dimandar perdono. Ei duo mi trasformare in quel ch'i' sono, Facendomi d'uom vivo un lauro verde, Che per fredda stagion foglia non perde.
Page 3 - Padova da' tedeschi del 1509 fu saccheggiata; dal qual tempo in poi sonosi veduti li detti fogli. Ché facilmente qualche soldato averà quei libri presi e mandatoli a male; e capitati in pezzi in mano...
Page 41 - Valle che de' lamenti miei se' piena, fiume che spesso del mio pianger cresci, fere selvestre, vaghi augelli e pesci che l'una e l'altra verde riva affrena; aria, de...
Page 5 - Attende quoniam hos 4 versus venit in animum mutare, ut qui primi sunt essent ultimi et e...
Page 74 - Questa che col mirar gli animi fura m'aperse il petto el' cor prese con mano, dicendo a me : "Di ciò non far parola." Poi la rividi in altro abito sola, 75 tal ch' i' non la conobbi, o senso umano! anzi le dissi '1 ver pien di paura; ed ella ne l'usata sua figura tosto tornando fecemi, oi me lasso!
Page 41 - Levòmmi il mio penser in parte ov'era quella ch'io cerco, et non ritrovo, in terra: ivi, fra lor che ' 1 terzo cerchio serra, la rividi più bella et meno altera. Per man mi prese, et disse: - In questa spera sarai anchor meco, se ' 1 desir non erra: i' so' colei che ti die' tanta guerra, et compie

Bibliographic information