Italienische Schul-und Konversations-Grammatik ...

Front Cover
Groos, 1885 - Italian language - 406 pages
0 Reviews
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Contents

Common terms and phrases

Popular passages

Page 357 - Per me si va nella città dolente; per me si va nell' eterno dolore; per me si va tra la perduta gente.
Page 181 - Il venerdì 13 ottobre 1820 fui arrestato a Milano, e condotto a Santa Margherita. Erano le tre pomeridiane. Mi si fece un lungo interrogatorio per tutto quel giorno e per altri ancora. Ma di ciò non dirò nulla. Simile ad un amante maltrattato dalla sua bella , e dignitosamente risoluto di tenerle broncio, lascio la politica ov'ella sta, e parlo d'altro.
Page 353 - Oh se anch' io ... ! Ma lo contende Questa bassa angusta volta, Dove sole non risplende, Dove l'aria ancor m'è tolta, Donde a te la mia favella Giunge appena, o rondinella. Il settembre innanzi viene, E a lasciarmi ti prepari ; Tu vedrai lontane arene, Nuovi monti, nuovi mari Salutando in tua favella, Pellegrina rondinella. Ed io tutte le mattine Riaprendo gli occhi al pianto, Fra le nevi e fra le brine Crederò d'udir quel canto, Onde par, che in tua favella Mi compianga, o rondinella.
Page 171 - Dono infelice di bellezza, ond' hai Funesta dote d' infiniti guai, Che in fronte scritti per gran doglia porte ; Deh, fossi tu men bella, o almen più forte, Onde assai più ti paventasse, o assai T...
Page 171 - Alpi non vedrei torrenti Scender d'armati, e del tuo sangue tinta Bever l'onda del Po gallici armenti. Nè te vedrei del non tuo ferro cinta Pugnar col braccio di straniere genti, Per servir sempre o vincitrice o vinta.
Page 307 - ... eruzione del Vesuvio. Se a caso egli fosse in furore , vedrà uscir dal suo seno dei torrenti di fuoco che maestosamente si spandono per le campagne. Portici le farà vedere una collezione di quanto è stato scavato dalle rovine d'Ercolano, ed i contorni di Pozzuolo già decantati dal principe de' poeti le inspireranno del gusto per la poesia.
Page 355 - Tre dolci e cari nomi ha' in te raccolti, Madre, figliuola e sposa; Vergine gloriosa. Donna del Re che nostri lacci ha sciolti E fatto 'I mondo libero e felice: Nelle cui sante piaghe Prego eh' appaghe il cor, vera beatrice.
Page 355 - Mia signora a quel ch'io sento, Molto il gusto in voi cangiò. Vi conobbi in altri arredi, E in più misera fortuna. Foste bruco, ed io vi diedi Molto tempo e cibo e cuna (SBìefjc). Era allora a voi ben grato n sapor delle mie foglie Ma cangiando il vostro stato Voi cangiaste ancor le voglie.
Page 181 - ... rispettosamente la buona notte. Fermatevi, caro voi, gli dissi ; oggi non ho pranzato ; fatemi portare qualche cosa. Subito, la locanda è qui vicina, e sentirà, signore, che buon vino ! Vino ! non ne bevo. A questa risposta, il signor Angiolino mi guardò spaventato, e sperando ch'io scherzassi. I custodi di carceri che tengono bettola, inorridiscono d'un prigioniero astemio. Non ne bevo, davvero. M'incresce per lei ; patirà al doppio la solitudine...
Page 352 - Rondinella pellegrina Che ti posi in sul verone, Ricantando ogni mattina Quella flebile canzone, Che vuoi dirmi in tua favella, Pellegrina rondinella?

Bibliographic information