Nuova raccolta d'autori italiani che trattano del moto dell' acque [ed. by F. Cardinali].

Front Cover
1823
0 Reviews
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 44 - Queste sono le più patenti cagioni che concorrono alla di lui ripienezza; poiché le piogge cadenti sopra que' monti spogliati di legname, coltivati e smossi, non trovando più il ritegno della macchia e del bosco, vi scorrono precipitose e s'accompagnano colla materia di terra, sasso e ghiaia della quale e...
Page 63 - Qual dolor fora, se degli spedali Di Valdichiana, tra '1 luglio e '1 settembre. E di Maremma, e di Sardigna i mali Fossero in una fossa tutti insembre; Tal era quivi, e tal puzzo n'usciva, Qual suoi venir dalle marcite membre.
Page 5 - DISCORSO INTORNO AL RIPARARE DALLE INONDAZIONI DELL' ADIGE LA CITTÀ DI VERONA DI ANTON- MARIO LORGNA . CAPITOLO PRIMO.
Page 140 - Quale tra le pratiche usate in Italia per la dispensa delle acque è la più convenevole, e quali precauzioni ed...
Page 44 - Quanto erano più sagge , e più avvedute di noi, le colte nazioni, ehe abitavano uu tempo sulle rive del Gange , e del Nilo , le quali ponevano tanta importanza nella conservazione delle foreste , che avevano sparso il mistero , ed una specie di venerazione sulle origini de...
Page 555 - Discorso intorno al riparare dalle inondazioni dell' Adige la città di Verona pag. 5 Dello stesso . Osservazioni e ricerche intorno al prolungarsi della linea de...
Page 402 - Dissertazione Meccanica, di due strumenti, che possono servire alla giusta stima del Viaggio Marittimo, e della Velocità delle Acque , e de
Page 125 - Or tutte queste radici parte trapassano ed inchiovano, dirò così, gli strati del ripido terreno ; parte lo cingono ed abbracciano, parte lo tessono, lo costipano e lo rassodano in modo che le acque non possano solcarlo e diromperlo, e le ghiaje trattenute e legate non cadano ad ammassarsi nelle valli e nei letti de
Page 43 - Ora si vede e si comprende appieno , come spero, quanto sia graTe e pernicioso l' abuso di sradicare e distruggere le selve , che coprono le montagne , e quanto sia grande la nostra imprudenza e temerità, di violare ordinamenti, e leggi così provvide della natura. Spogliando i monti e le valli delle -boscaglie , onde sono vestiti e difesi, noi veniamo ad abbattere i tanti moltiplicati ed efficaci ripari , che arrestano i nembi , e le dirotte pioggie , ed impediscono le repentine , e micidiali escrescenze...
Page 138 - ... righi , solchi , e vallicelle , che le acque vi scavano nel discendere per la china . Gli ordini delle palafitte saranno più frequenti , come ognuno ben vede , dove più ripido è il pendio , e potranno essere più radi , dove quello non sia precipitoso . La distanza, vuoi essere ora di quindici o venti , ora di trenta o quaranta piedi , ed ora non nuoce , se anche sia maggiore . Benché per 1...

Bibliographic information