Appunti di diritto penale. 5. L'imputabilitÓ

Front Cover
Giappichelli, 2013 - Law - 139 pages
Questo scarno libretto dice subito ci˛ che l'autore vuole che sia detto. Sin dalle prime righe ne Ŕ enunciato il filo conduttore: l'idea, anzi, per motivi etico-sociali, l'esigenza, di predicibilitÓ del diritto. Come dire, la necessitÓ di un scrittura delle regole che consenta, nei limiti del possibile, una sicura guida dell'azione: il diritto strutturalmente non identificabile con il comando diventa, in quanto realizzazione nei fatti di giustizia retributiva, comando. Su questa via si guarda all'istituto della capacitÓ di intendere e di volere in diritto penale: certamente per quello che in proposito Ŕ espressamente sancito, andando per˛ oltre il dictum. La ricognizione del reale non sembra sufficiente quando il reale non detta alla condotta tutti i canoni di riferimento: nel caso nostro pi¨ che alla condotta dei destinatari, alla condotta di quella particolare fascia di interpreti che sono i giudici. Con l'avvertenza che non si propongono soluzioni di merito; si formula solo l'istanza che l'ordinamento fornisca soluzioni "pubbliche" e, quindi, oggettive, sottraendo il discorso al privato, spesso quanto mai pregevole, ma sempre soggettivo.

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Other editions - View all

Bibliographic information