Romania: recueil trimestriel consacré à l'étude des langues et des littératures romanes

Front Cover
Paul Meyer, Gaston Bruno Paulin Paris, Antoine Thomas, Mario Roques
Société des amis de la Romania, 1895 - Romance literature
0 Reviews
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 391 - Che libito fe' licito in sua legge, Per torre il biasmo, in che era condotta. EH' è Semiramis, di cui si legge, . Che succedette a Nino, e fu sua sposa: Tenne la terra, che il Soldan corregge. L' altra è colei, che s' ancise amorosa, E ruppe fede al cener di Sicheo ; Poi è Cleopatras lussuriosa.
Page 378 - E così, in fine di questo secondo trattato, dico e affermo che la donna di cui io innamorai appresso lo primo amore fu la bellissima e onestissima figlia dello imperadore dell' universo, alla quale Pittagora pose nome filosofia.
Page 426 - ... tratta la fisica; e per lo movimento quasi insensibile, che fa da occidente in oriente per un grado in cento anni, significa le cose incorruttibili, le quali ebbero da Dio cominciamento di creazione, e non aranno fine, e di queste tratta la metafisica.
Page 419 - E secondo l'usanza nostra, ella si parti in quello anno della nostra indizione , cioè degli anni Domini , in cui il perfetto numero nove volte era compiuto in quel centinaio , nel quale in questo mondo ella fu posta : ed ella fu de' cristiani del terzodecimo centinaio.
Page 417 - Beatrice, i quali non sapeano che si chiamare. Ella era già in questa vita stata tanto, che nel suo tempo lo cielo stellato era mosso verso la parte d'oriente delle dodici parti l'una d...
Page 221 - El álamo de Alcides escogido fue siempre, y el laurel del rojo Apolo; de la hermosa Venus fue tenido en precio y en estima el mirto solo; el verde sauz de Flérida es querido, y por suyo entre todos escogiólo; doquiera que de hoy más sauces se hallen, el álamo, el laurel y el mirto callen.
Page 418 - Tisrin, il quale a noi è ottobre : e se« condo l' usanza nostra, ella si partì in quello anno della « nostra indizione, cioè degli anni Domini, in cui il perfetto ". numero nove volte era compiuto in quel centinaio nel quale « in questo mondo ella fu posta ; ed ella fu de...
Page 408 - Propter igitur connaturalitatem terrenam magis variat, ut dicit, quam aliquod corporum aliorum que sunt in celo. Differentia autem circulationis ejus est differentia etatum. Primo enim cum accenditur est calida et humida per effectum sicut prima etas; et currit hec usque quo efficitur dimidia, et talis e&t prima etas.
Page 388 - Hannibal in testimonium victoriae suae [apud Cannas] tres modios anulorum aureorum Carthaginem misit, quos ex manibus interfectorum equitum Romanorum senatorumque detraxerat. Usque adeo autem ultima desperatio reipublicae apud residuos Romanos fuit, ut senatores de relinquenda Italia sedibusque quaerendis consilium ineundum putarint. Quod auctore Caecilio Metello confirmatum fuisset, nisi Cornelius Scipio tribunus tunc militum, idem qui post Africanus, destricto gladio deterruisset ac potius pro...

Bibliographic information