Lo sport "mediato": le audience televisive di olimpiadi, paralimpiadi e campionati europei di calcio, 2000-2008

Front Cover
FrancoAngeli, 2010 - Social Science - 206 pages
Ogni giorno Ŕ possibile seguire in tv partite di calcio o competizioni sportive, che la globalizzazione televisiva consente di ricevere da paesi anche molto lontani. Numerosi canali tematici, specializzati in eventi sportivi, sono in grado di alimentare passioni ed incentivare consumi, che divengono fonte di inedite appartenenze multiple a tifoserie diffuse a livello planetario, mentre ciascuno degli eventi sportivi seguiti pretende di essere "grande". Qual Ŕ allora il criterio per distinguere un mega evento sportivo da un altro che non lo Ŕ? E da chi sono composti questi pubblici immensi, che restano invisibili agli atleti in gara ma che tuttavia assicurano loro la possibilitÓ di gareggiare? Infatti ormai Ŕ chiaro a tutti che, senza le audience televisive, e senza i ricchi diritti di trasmissione pagati dalle compagnie televisive al Comitato olimpico o alle Federazioni gioco calcio, i grandi tornei internazionali non potrebbero svolgersi. Sinora ampiezza e caratteristiche di tali audience sono state conoscenze riservate agli studi pubblicitari e alle aziende sponsor dei grandi eventi sportivi. Questo libro presenta i dati sulle audience italiane di Olimpiadi, Paralimpiadi e Campionati europei di calcio nei primi anni del nuovo millennio (2000-2008). Confronti e tendenze quantitative vengono poi collocate entro un quadro pi¨ ampio, che descrive sociologicamente cos'Ŕ un mega evento sportivo e quali processi comunicativi lo rendano possibile.

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Bibliographic information